Connect with us

Palermo Calcio

Palermo, concessione “Renzo Barbera”: canone ridotto e attività sociali, i passi verso la convenzione

Published

on

Verso la convenzione.

Un pacchetto tra i 200 e i 250mila euro di prestazioni sociali a favore del Comune per limare il canone da 341mila euro annui e chiudere la partita della concessione dello stadio Renzo Barbera al Palermo per i prossimi sei anni”, apre sulla querelle comune di Palermo e società sportiva, l’edizione odierna de ‘La Repubblica’.

Il nodo centrale di tutta la questione rimane il canone annuo di 341 mila euro che da sempre il club di Viale del Fante ritiene sproporzionato, per alleggerire l’importo si era pensato alla sponsorizzazione del Comune di Palermo sulle maglie, ipotesi che negli ultimi giorni è stata accantonata perché vietata da una legge del 2010. La soluzione che rimane è quella di avviare una serie di controprestazioni sociali: “dal raddoppio dei posti per i disabili e dalle opportunità per le scuole in tutte le attività sociali sul territorio alla disponibilità del ” Barbera” per il torneo dei quartieri”, si legge nel noto quotidiano.

Le parti si sono dette disponibili nel trovare un accordo, tenendo presente che i tempi stringono, “offrendo prestazioni al Comune, che con un elenco dettagliato la società stima tra i 200 e 250mila euro. «Fermo restando – ribadisce Mirriche per noi il canone non è adeguato né alla legge della domanda e dell’offerta, né alla categoria, né al valore stesso dell’impianto»”. Su questo punto si è fatto riferimento a una relazione del 2004, con una valutazione dello stadio di circa 5,2 milioni di euro, molto meno dell’ultima stima di marzo scorso di 8,7 milioni.

Intanto, ieri mattina amministrazione e società sportiva si sono incontrate, «Chiediamo ai consiglieri di mettere da parte le beghe politiche per risolvere al più presto la questione della concessione dello stadio perché il Palermo è patrimonio di tutti», ha detto il presidente del Palermo Dario Mirri.

Advertisement

«La strada della compensazione con servizi sociali per la città non solo è ragionevole, ma è un modello che si potrebbe estendere a tante altre realtà», dice Fausto Melluso di Sinistra Comune. «La confusione degli anni precedenti ci impone di trovare un criterio certo per individuare il valore di un canone e delle compensazioni certe e non variabili – dice Ugo Forello di “Io Oso” – ma soprattutto per fare chiarezza sulle manutenzioni, per evitare danni alle casse pubbliche», si legge ancora nel quotidiano.

Adesso il prossimo appuntamento dovrebbe essere martedì 21 luglio, seduta a cui dovrebbe partecipare anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, la cui presenza è stata fortemente richiesta da tutto il consiglio.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più lette

Aggiungere alla collezione

Nessuna raccolta

Qui troverai tutte le collezioni che hai creato prima.