Connect with us

Palermo

Palermo, depurazione e prevenzione rischio idrico: avviate indagini per progetto Fondo Verde

Published

on

Prendono avvio le attività di indagine e progettazione nell’area di Fondo Verde, nella zona di viale dell’Olimpo, per convertire l’impianto di depurazione in un impianto di sollevamento e convogliamento degli scarichi fognari della zona nord verso il depuratore di Acqua dei Corsari, di cui è in corso il potenziamento per renderlo adatto a gestire un carico di 800.000 abitanti.

L’opera di riconversione, del costo di circa 10 milioni di euro, è in capo alla struttura del Commissario Straordinario Unico guidata da Maurizio Giugni, ed è una delle tredici previste a Palermo per superare la procedura d’infrazione sfociata in sentenza di condanna nei confronti dell’Italia (C-565/10) per il mancato trattamento delle acque reflue urbane. La consegna da parte del Responsabile del procedimento Francesco Morga (Sogesid) al raggruppamento d’imprese risultato vincitore (mandataria la PROG.IN. Srl, mandanti lo Studio Majone ingegneri associati e la Orion Progetti S.r.l.s., per un importo di circa 463 mila euro) è avvenuta alla presenza del sindaco Leoluca Orlando e del Subcommissario alla Depurazione Riccardo Costanza. Il progetto complessivo di riconversione di Fondo Verde è stato deciso dal Commissario Unico con un provvedimento di settembre dello scorso anno. Inizialmente destinato ad attività di depurazione, l’impianto di Fondo Verde non è stato del tutto ultimato perché nel 2013 i responsabili dell’Area marina protetta di Capo Gallo-Isola delle Femmine si opposero alla possibilità di scarico delle acque depurate all’interno della zona protetta. Nel frattempo, si è deciso che Palermo sia dotata di un unico impianto di trattamento, quello di Acqua dei Corsari, verso il quale saranno convogliati tutti gli scarichi fognari con gli interventi dei collettori in corso (fra cui quello i cui lavori sono attualmente in via Roma). A seguito di diversi tavoli tecnici, si è quindi giunti ad un progetto di massima, condiviso anche con il Ministero dell’ambiente, che oltre agli impianti per il pompaggio dei reflui verso Acqua dei Corsari, prevede di utilizzare le vasche e i serbatoi già esistenti nella zona di Fondo Verde come capacità di raccolta e sedimentazione delle acqua piovane in caso di eventi eccezionali, individuando uno “scarico di emergenza” nel canale c.d. “Ferro di Cavallo”.

Le attività iniziate ieri prevedono rilievi topografici, rilevazioni geognostiche e geotecniche, analisi sulla consistenza della rete fognaria, sui manufatti esistenti, sui sottoservizi e interferenze, sulle terre e rocce da scavo e sull’eventuale presenza di ordigni bellici. Il loro obiettivo è la redazione di un documento di indirizzo strategico a cura del raggruppamento d’imprese affidatario, che rappresenterà la base per la redazione del progetto di fattibilità tecnica – economica dell’intervento di Fondo Verde: nella conferenza dei servizi istruttoria saranno raccolti i pareri e le prescrizioni degli Enti locali e successivamente si procederà alla redazione del progetto esecutivo, da portare in Conferenza dei servizi decisoria per la sua approvazione definitiva.

Dopo ritardi e lungaggini di anni, che hanno rallentato un indispensabile lavoro per la salute dei cittadini e la tutela dell’ambiente – afferma il sindaco Leoluca Orlando – la significativa collaborazione fra Amministrazione comunale di Palermo e Ufficio del Commissario fa compiere un grande passo avanti al progetto complessivo per la depurazione delle acque in città. Un progetto ancora più importante perché rivolto anche alla protezione del territorio dal rischio idraulico. L’Anci Sicilia e il Commissario straordinario – ricorda Orlando – hanno siglato nelle scorse settimane un protocollo di intesa che conferma in tutta la Sicilia la necessaria collaborazione istituzionale richiesta e convintamente accolta dai comuni siciliani”.

Di fronte a un intervento così importante e delicato per il bacino Nord di Palermo – spiega il commissario Maurizio Giugni – è di significativa importanza il confronto con le amministrazioni coinvolte. L’obiettivo comune è creare un sistema strutturalmente efficiente, che non solo risolva il problema dell’infrazione europea e dunque di una corretta depurazione delle acque reflue, ma contribuisca anche a mitigare i pericoli per le persone e l’ambiente”.

Advertisement

 

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più lette

Aggiungere alla collezione

Nessuna raccolta

Qui troverai tutte le collezioni che hai creato prima.