Mettiti in comunicazione con noi

Cronaca

Rifiuti, Rap: “Sospeso servizio ritiro ingombranti a domicilio e limitato servizio di spazzamento”

Pubblicato

su

Visto il protrarsi, dallo scorso 26 gennaio, dello stato di agitazione proclamato dalle Organizzazioni Sindacali, con lo scopo di garantire la continuità e l’efficienza dei servizi afferenti alla raccolta rifiuti fino a giorno 15 febbraio sarà sospeso il servizio di ritiro ingombranti a domicilio e sarà limitato il servizio di spazzamento, ad eccezione del centro storico cittadino e dello svuotamento dei cestini gettacarte.

Le maestranze assegnate ai sopradetti servizi, nonché quelli in quota parte non indispensabili (es: i servizi a terzi che saranno parzialmente assicurati) saranno, temporaneamente, destinate all’area Raccolta indifferenziata per gli svuotamenti dei cassonetti dove insistono maggiori criticità e per eliminare, eventuali, accumuli di rifiuti presso le postazioni. Il personale interessato riguarda autisti e operai, compreso quelli da adibire a interventi straordinari laddove necessario l’ausilio delle pale meccaniche.

Le azioni intraprese– spiega il presidente della RAP Giuseppe Norataservono a mitigare e limitare l’insorgenza di una emergenza igienico sanitaria aggravata dalla corrente crisi da COVID” .

Cronaca

A “La Carovana del mattino” l’appuntamento con la rassegna stampa è il mercoledì su Primaradio

Pubblicato

su

L’informazione del Giornale del Sud su Primaradio a “La Carovana del Mattino“, il programma di Vincenzo Canzone, che tutti i mercoledì alle 7 fa il punto con Veronica Gioè su quelle che sono le notizie più rilevanti.

Le frequenze per ascoltare Primaradio: 90.6 Palermo, Villabate, Altofonte, Aspra, Bagheria, Santa Flavia, Trabia, Termini Imerese; 101.8 Capaci, Carini, Isola delle Femmine, Terrasini, Cinisi, Torretta; 93 Partinico, Borgetto, Balestrate, Trappeto, Castellammare del Golfo, Vita, San Vito Lo Capo; 102 Alcamo, Corleone, Terrasini, Cinisi, Montelepre, Giardinello, San Giuseppe Jato, San Cipirello, Roccamena, Camporeale. Grisì, Chiusa Sclafani, Contessa Entellina, Sambuca di Sicilia; 105.9 Buseto Palizzolo, Custonaci, Paceco, Erice, Valderice, Trapani, Marsala.

 

 

Continua a leggere

Cronaca

Emergenza cimitero dei Rotoli, Orlando: “Immediata verifica dei fatti”

Con riferimento alla notizia riportata oggi dalla stampa circa una
ipotetica interruzione degli ingressi delle salme presso il cimitero
di Santa Maria dei Rotoli, il sindaco Leoluca Orlando ha disposto “un’immediata
verifica dei fatti e la predisposizione di una relazione da
trasmettere all’Autorità giudiziaria con l’indicazione di operatori
del settore responsabili”.

La capo area e i dirigenti del settore confermano, infatti, che il
servizio di accoglienza non ha mai subito interruzioni.

Il sindaco dichiara che “l’Amministrazione comunale intende perseguire
in ogni sede i responsabili tra quanti operano al di fuori delle
regole”.

Antonella Di Maggio
Ufficio Stampa
Comune di Palermo


Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo “stampacomunepalermo” di Google Gruppi.
Per annullare l’iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un’email a [hidden email].
Per visualizzare questa discussione sul Web, visita https://groups.google.com/d/msgid/stampacomunepalermo/CAApHAuDmVqM0zdP5ofVLdSA3-iicH8kc%3DiNMYKTcM-69KnVgVg%40mail.gmail.com.

Pubblicato

su

Con riferimento alla notizia riportata oggi dalla stampa circa una ipotetica interruzione degli ingressi delle salme presso il cimitero
di Santa Maria dei Rotoli, il sindaco Leoluca Orlando ha disposto “un’immediata verifica dei fatti e la predisposizione di una relazione da
trasmettere all’Autorità giudiziaria con l’indicazione di operatori del settore responsabili“.

La capo area e i dirigenti del settore confermano, infatti, che il servizio di accoglienza non ha mai subito interruzioni.

Il sindaco dichiara che “l’Amministrazione comunale intende perseguire in ogni sede i responsabili tra quanti operano al di fuori delle
regole“.

Continua a leggere

Coronavirus

Controlli anti covid e movida: chiusi 5 locali a Palermo

Nell’ambito degli interventi volti al contenimento del Covid-19 nei contesti della movida, la Polizia Municipale ha chiuso cinque locali del centro città:  tre market e due pub. Le sanzioni ammontano, nel complesso a 34.600 euro.

Gli agenti del Nucleo controllo attività economiche e produttive, in via Errante e in Corso dei Mille, hanno riscontrato due locali aperti al pubblico, risultati privi di ogni autorizzazione, sia amministrativa che sanitaria e che, oltre ad avere gravi carenze igienico-sanitarie, non ottemperavano alle prescrizioni previste dal DPCM e dai protocolli Stato-Regioni. Sono stati elevati verbali per 11.500 euro a ciascun gestore.

Due market in via Ruggerone da Palermo ed un ristorante in via Maqueda sono stati posti sotto sequestro cautelare amministrativo per cinque giorni. Apposti i sigilli per l’inosservanza dell’obbligo di esporre all’ingresso  un cartello che riportasse il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale, come prescritto dal DPCM del 14 gennaio scorso-

I gestori sono stati sanzionati anche per inottemperanza al divieto di assembramento con un verbale di 400 euro.

Inoltre, il gestore del ristorante di via Maqueda è stato multato perché sprovvisto del prescritto Piano di Autocontrollo HACCP con un verbale di duemila euro nonchè, per le gravi carenza igienico sanitarie strutturali riscontrate, con ulteriore verbale di duemila euro.

Gli otto avventori presenti nei tre locali, dediti all’acquisto, all’asporto di alimenti e bevande alcoliche nei due market e, nel ristorante, alla consumazione sul posto, sono stati tutti sanzionati per inottemperanza all’obbligo di portare con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie nonché per il mancato divieto di mantenere una distanza di sicurezza di almeno 1 metro. A ciascuno di loro è stato comminata una sanzione di 800 euro.


“Ringrazio la Polizia Municipale – ha dichiarato il vicesindaco ed assessore alla Polizia Municipale, Fabio Giambrone – per il costante lavoro di controllo e contrasto di comportamenti che sono ancora più gravi in questo periodo di pandemia.
Rivolgo anche appello ai cittadini perché non favoriscano attività commerciali irregolari, che oltre a violare le leggi mettono a repentaglio la salute di tutti”.


Giovanni Gaudesi
Ufficio Stampa
Comune di Palermo


Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo “stampacomunepalermo” di Google Gruppi.
Per annullare l’iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un’email a [hidden email].
Per visualizzare questa discussione sul Web, visita https://groups.google.com/d/msgid/stampacomunepalermo/CAApHAuB32Yjzv5PrpF6bSYbAroNhPMHmaEi_EX9d9eT4VsMrqA%40mail.gmail.com.

Pubblicato

su

Nell’ambito degli interventi volti al contenimento del Covid-19 nei contesti della movida, la Polizia Municipale ha chiuso cinque locali del centro città:  tre market e due pub. Le sanzioni ammontano, nel complesso a 34.600 euro.

Gli agenti del Nucleo controllo attività economiche e produttive, in via Errante e in Corso dei Mille, hanno riscontrato due locali aperti al pubblico, risultati privi di ogni autorizzazione, sia amministrativa che sanitaria e che, oltre ad avere gravi carenze igienico-sanitarie, non ottemperavano alle prescrizioni previste dal DPCM e dai protocolli Stato-Regioni. Sono stati elevati verbali per 11.500 euro a ciascun gestore.

Due market in via Ruggerone da Palermo ed un ristorante in via Maqueda sono stati posti sotto sequestro cautelare amministrativo per cinque giorni. Apposti i sigilli per l’inosservanza dell’obbligo di esporre all’ingresso  un cartello che riportasse il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale, come prescritto dal DPCM del 14 gennaio scorso-

I gestori sono stati sanzionati anche per inottemperanza al divieto di assembramento con un verbale di 400 euro.

Inoltre, il gestore del ristorante di via Maqueda è stato multato perché sprovvisto del prescritto Piano di Autocontrollo HACCP con un verbale di duemila euro nonchè, per le gravi carenza igienico sanitarie strutturali riscontrate, con ulteriore verbale di duemila euro.

Gli otto avventori presenti nei tre locali, dediti all’acquisto, all’asporto di alimenti e bevande alcoliche nei due market e, nel ristorante, alla consumazione sul posto, sono stati tutti sanzionati per inottemperanza all’obbligo di portare con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie nonché per il mancato divieto di mantenere una distanza di sicurezza di almeno 1 metro. A ciascuno di loro è stato comminata una sanzione di 800 euro.

“Ringrazio la Polizia Municipale – ha dichiarato il vicesindaco ed assessore alla Polizia Municipale, Fabio Giambrone – per il costante lavoro di controllo e contrasto di comportamenti che sono ancora più gravi in questo periodo di pandemia. Rivolgo anche appello ai cittadini perché non favoriscano attività commerciali irregolari, che oltre a violare le leggi mettono a repentaglio la salute di tutti”.

Continua a leggere

Più lette

Aggiungere alla collezione

Nessuna raccolta

Qui troverai tutte le collezioni che hai creato prima.