Mettiti in comunicazione con noi

Palermo Calcio

Pelagotti: “Santana stratosferico, Felici un top. Sento molto Fallani. Brescia? Cellino mi ha abbindolato”

Il portiere del Palermo ha parlato del rapporto con i suoi compagni di squadra

Pubblicato

sopra

La leadership di Alberto Pelagotti.

Intervenuto ai microfoni di Eleven Sports durante la trasmissione Eleven Home, il portiere del Palermo ha parlato dei suoi compagni di squadra, concentrandosi particolarmente su Mario Alberto Santana. Queste le sue parole:

Chi mi ha colpito di più a Palermo? Sicuramente Santana, non ha bisogno di presentazioni. Sta benissimo nonostante l’età, sono rimasto allibito. Avevo giocato con lui all’Empoli e alla Fiorentina tantissimi anni fa, è un giocatore stratosferico. Anche adesso è in condizioni eccellenti, fa ancora la differenza ed è un leader carismatico sotto tutti gli aspetti. Mi sono rivisto molto in lui, una persona straordinaria. Lancini e Martinelli li ho conosciuti a Brescia, sono fortissimi. La squadra è stata costruita molto bene. Tantissimi ragazzi mi hanno colpito, uno su tutti Felici che farà sicuramente benissimo, ma potrei dirli tutti. In questo periodo sento tutti, più di tutti Fallani e Langella che vivono insieme. Li sento spesso, abitiamo anche a 100 metri di distanza, quindi se mi affaccio li vedo. Siamo in stretto contatto, mi sento sempre con tutti. Questa mattina sono andato a fare la spesa e dentro il centro commerciale ho incontrato Martinelli e Langella. Auguri di buon compleanno a Lancini, che non so quanti anni compie (ride, ndr). Sono una frana in matematica, ma nello spogliatoio tengo tutto io: orari, allenamenti, multe. Sto attento, ogni minuto di ritardo abbiamo una multa. Ho un futuro da team manager o da amministratore. Voglio giocare ancora dieci anni, poi vediamo che succede“.

Infine un commento sulle avventure con la maglia dell’Arezzo e con quella del Brescia: “Arezzo? Annata meravigliosa, siamo partiti per fare un campionato normale e poi ci siamo ritrovati nella semifinale dei play-off. Il mio obiettivo era quello di vincere, ero andato lì per quello. Avevo messo nella testa l’idea comune di poter vincere il campionato e conquistare la Serie B, poi non è successo per vari ragioni. Mi sono trovato benissimo e ho fatto anche buone prestazioni. Sono stato anche dispiaciuto quando ho dovuto scegliere di non restare lì. A Brescia ho sofferto un po’ di più, ero andato lì per giocare ma mi sono fatto un po’ abbindolare dal presidente Cellino. Ero appena retrocesso dalla Serie A con l’Empoli, volevo qualcosa di stimolante e Brescia era una società importante con grosse ambizioni. Alla fine però le cose stavano in maniera diversa ed è risultata una scelta sbagliata. Ricordo però con molto piacere i tifosi con cui mi sono trovato benissimo e la città, meravigliosa“.

Più lette

Aggiungere alla collezione

Nessuna raccolta

Qui troverai tutte le collezioni che hai creato prima.