Connect with us

Coronavirus

Sagramola: “Così Mirri-Di Piazza hanno conquistato i tifosi del Palermo. Stadio e centro sportivo, vi dico tutto”

Le dichiarazioni rilasciate dall’amministratore delegato del Palermo, Rinaldo Sagramola, in merito alla sua avventura al club siciliano

Published

on

 

L’avventura di Rinaldo Sagramola al Palermo.

Il dirigente romano, la scorsa estate, ha sposato il progetto del duo Mirri-Di Piazza per la rinascita del club siciliano dalla Serie D, a seguito del fallimento della vecchia società. Un profilo d’esperienza, nel ruolo di amministratore delegato, che ha contribuito all’allestimento di una rosa di qualità con l’obiettivo di riportare il Palermo in breve tempo tra i professionisti. Oggi, tuttavia, a causa delle ripercussioni avute dall’emergenza Coronavirus sul mondo del calcio, i campionati sono sospesi fino a data da destinarsi ed il futuro dei rosanero, come quello delle altre compagini italiane, è in bilico.

L’amministratore delegato del Palermo, intervenuto ai microfoni di TMW Radio, ha parlato del suo approdo nella nuova società rosanero e dei progetti che ha quest’ultima.

Siamo ripartiti con entusiasmo, abbiamo avuto 10.500 abbonati e partite con quasi 20mila tifosi presenti: straordinario, quasi inaspettato. Pensare che avevo pure dubbi se aprire la campagna abbonamenti, temevo fosse un flop. Vedere 20.000 persone ad assistere a un match di dilettanti non succede così spesso. La proprietà è composta da due imprenditori siciliani, di cui uno palermitano e tifoso vero, nonché nipote di Renzo Barbera, cui è intitolato lo stadio. Ragiona da tifoso, mentre l’altro, Tony Di Piazza, è un siculo-americano, rimasto legato alla sua terra d’origine. Anche lui sa come dialogare con i tifosi, è sui social… Ad oggi si è instaurato un rapporto sano e civile, non ci sono prevaricazioni, anche perché la società non ha mai fatto mistero degli obiettivi, e siamo stati primi in classifica sin dai primi minuti del campionato. Questa sintonia aiuta e ci permette anche di fare ragionamenti in prospettiva: abbiamo individuato forse un’area in cui poter edificare quel centro sportivo che manca, abbiamo chiesto al Comune di cederci lo stadio per rifarlo in forme più accoglienti per la città spessa. Abbiamo progetti, iniziative ed entusiasmo: speriamo che dopo questo stop si possa ripartire per riportare la squadra dove merita la quinta città d’Italia”.

Advertisement

Sagramola: “Ecco come tuteleremo gli interessi del Palermo. Coronavirus? Mi devono spiegare una cosa…”

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più lette

Aggiungere alla collezione

Nessuna raccolta

Qui troverai tutte le collezioni che hai creato prima.