Connect with us

Palermo Calcio

Palermo, Alessandro Anello (Lega): “Comune ha perso tempo su convenzione stadio, cifra richiesta troppo alta”

Published

on

I tempi stringono e diventa fondamentale in questi giorni raggiungere un accordo per la concessione dello stadio al Palermo Calcio.

I consiglieri comunali sono al lavoro per discutere l’atto deliberativo e trovare un punto di incontro per chiudere quanto prima l’accordo con la società guidata dal presidente Dario Mirri.

A questo proposito è intervenuto ai microfoni di Mediagol il consigliere della Lega, Alessandro Anello.

Non c’è da sciogliere solo il nodo canone da 341mila euro, in realtà va ridiscussa la convenzione in generale. Sono dell’avviso che chiedere 341 mila euro di canone è una cifra troppo elevata per una società che milita in un campionato che non è di massima serie. Queste modifiche andavano fatte già da tempo visto e considerato che sapevamo già da tempo com’è messa la situazione ed è per questo che ritengo che la grossa responsabilità dell’Amministrazione attiva sia di avere portato una convenzione in Aula solo qualche giorno fa, peraltro dicendoci che va emendata e dicendo che sicuramente ha degli emendamenti da portare avanti che possono andare certamente a modificare la convenzione stessa“.

Questa convenzione va modificata in più parti – aggiunge Anello – La città di Palermo è giusto che abbia una squadra che militi in un campionato che poi con un buon programma possa arrivare agli antichi fasti con la Serie A, però è chiaro che la società va aiutata in funzione di una convenzione che va fatta secondo la legge e quindi, dovendo essere precisi, va modificato il canone. Così come è giusto pure fare le cose per bene nel rispetto della legge, di conseguenza dico che questa convenzione si deve modificata, va emendata con tutti gli emendamenti che noi stessi avevamo già ipotizzato di portare avanti, ma che purtroppo in funzione del fatto che è arrivata solo da qualche giorno, noi stiamo avendo materialmente grandissime difficoltà anche a sottoporle visto e considerato che abbiamo un’Amministrazione attiva che cambia un assessore o che subisce le dimissioni di un assessore ogni tre giorni. Per esempio, avevamo iniziato un’interlocuzione con l’assessore D’Agostino che si è dimesso. Ora vedremo il Sindaco cosa ci dirà in consiglio comunale visto e considerato che sarà lui che dovrà affrontare questa vicenda“.

Advertisement
Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più lette

Aggiungere alla collezione

Nessuna raccolta

Qui troverai tutte le collezioni che hai creato prima.