Mettiti in comunicazione con noi

Italia

Convenzione Stadio: il testo del Consiglio Comunale potrebbe non andare bene al Palermo

Pubblicato

sopra

Giorni di dibattiti in “aula”, polemiche tra maggioranza e opposizione, sedute fiume e attacchi incrociati.

La montagna ha partorito un topolino. Dopo mesi passati a discutere della convenzione per l’utilizzo dello stadio “Renzo Barbera” e la solita corsa contro il tempo, la politica che a parole voleva aiutare il nuovo Palermo, non ha trovato alcuna soluzione concreta per agevolare il club rosanero, anzi rispetto al passato, in alcuni aspetti, sono stati fatti dei passi indietro. La politica esulta, perché seppur in notevole ritardo, ha definito un testo per la convenzione a pochi giorni dalla scadenza indicata dalla Lega di Serie C al club di Mirri per l’iscrizione al campionato, ma ora c’è un passaggio che molti danno per scontato cioè che questo testo vada bene al Palermo Calcio. Ma così non è.

L’ipotesi di giocare in altri stadi ventilata nelle scorse settimane non era solo legata ad una questione formale, ma anche ad una di convenienza. E se formalmente ora c’è una proposta definita dal Consiglio Comunale di Palermo, non si prefigurano i connotati di convenienza che sembrano addirittura peggiorativi rispetto al passato. Il nodo del canone non è stato risolto: il Palermo dovrà pagare 341 mila euro a stagione per l’affitto e solo una nuova perizia degli uffici tecnici del Comune potrà portare a calcolare un eventuale sconto per l’emergenza Covid, che comunque resta un evento straordinario. Resta in piedi, ancora da quantificare, l’eventuale sponsorizzazione (o convenzione o collaborazione) che può fare abbassare le richieste del Comune attraverso una compensazione. Nella proposta del Comune, approvata dal Consiglio comunale, non si tiene conto del fatto che il Palermo sia da considerarsi ancora una startup e che militi in un campionato dove non girano molti soldi, ben distante dai fatturati della Serie A e dai fatturati del club rispetto a dieci anni fa. Senza la massima serie, ad oggi non ci sono neanche i diritti televisivi milionari. Così il club rosa è obbligato a puntare tutto sulla pubblicità locale, ma proprio su questo aspetto i consiglieri sono stati intransigenti e hanno approvato un emendamento che conferisce al Palermo i diritti solo sulla pubblicità interna allo stadio. Un duro colpo alle casse del Palermo che inciderà almeno per un milione di euro, a meno che la società del presidente Mirri non riesca ad aggiudicarsi il futuro bando che – chissà quando – passerà da una procedura pubblica.
Chiaro che dalle parti di Viale del Fante c’è amarezza per un regolamento che dovrà probabilmente essere digerito a malavoglia se non si vorrà davvero valutare di trasferirsi in un’altra città per giocare le partite.

Deluse anche le aspettative dei tifosi che avevano esplicitamente manifestato a gran voce sui social chiedendo lo stop ai privilegi, quindi di eliminare biglietti omaggio ai politici. La norma è stata modificata, ma di fatto i consiglieri comunali di Palermo potranno continuare a chiedere alla società i biglietti per andare allo stadio senza pagare. Eppure è passato un anno da quando l’Amministrazione Orlando ha consegnato il titolo sportivo alla società di Dario Mirri per non far morire il calcio a Palermo. In un anno ci sarebbe stato tutto il tempo per definire la convenzione e andare incontro al nuovo club tenendo conto del progetto sportivo e della realtà economica sottodimensionata che ripartiva dalla Serie D. Ma la farraginosa politica italiana non si smentisce: lentamente affronta i problemi, mentre lentamente le aziende crescono e lottano per competere sul mercato.

Più lette

Aggiungere alla collezione

Nessuna raccolta

Qui troverai tutte le collezioni che hai creato prima.