Connect with us

Cronaca

Violenza su donne: una panchina rossa anche a Villa Niscemi

Published

on

Una panchina rossa anche a Villa Niscemi, la sede di rappresentanza del Comune di Palermo. Con questo gesto simbolico sono proseguite le iniziativa organizzate con la collaborazione dell’amministrazione comunale in occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” che si celebra oggi a ventuno anni dalla sua istituzione.

L’iniziativa simbolo di impegno civile e di lotta contro la violenza di genere e omicidi volontari con vittime donne, organizzata dal Lions club “Palermo-Libertà”, ha visto la partecipazione, tra gli altri, del sindaco Leoluca Orlando, dell’assessore alle CulurE, Mario Zito e del presidente del Lions Libertà, Filippo Miceli.
Sulla panchina rossa è stata anche applicata una targa riportante i numeri telefonici di emergenza, del numero unico antiviolenza e l’app Youpol realizzata dalla Polizia di Stato.

Una panchina rossa anche a Villa Niscemi – ha detto il sindaco Orlando – per tenere alta l’attenzione sul drammatico fenomeno della violenza sulle donne trasformando ogni giorno in un 25 novembre. Il mio apprezzamento va dunque al Lions club che cosi conferma la sua sensibilità rispetto ai temi sociali. L’iniziativa collega questa panchina a tutte le altre presenti a Palermo fino a quella presente davanti il Palazzo di Giustizia e ci ricorda che non basta l’esigenza di un intervento repressivo nei confronti di chi è violento contro le donne ma ci vuole un netto e definitivo cambio di cultura che porta la donna ad essere “io sono persona” e non “io sono oggetto”. Un cambio culturale per far si che le donne non siano più vittime di violenza di qualsiasi tipo essa sia“.

La violenza sulle donne, in qualunque forma si presenti – ha commentato l’assessore Zito – è uno dei fenomeni sociali ormai non più nascosti e rappresenta una violenza dei diritti umani. Per combatterla bisogna parlarne, muoversi insieme, con l’obiettivo di iniziare dei percorsi di cambiamento culturale. Occorre una “Cultura del rispetto. Per questo il mio ringraziamento va ai rappresentanti del Lions club per questa iniziativa segno di attenzione che questa Amministrazione ha sposato a conferma di una visione culturale necessaria per sconfiggere questo fenomeno, inducendo la cittadinanza a non dimenticare”.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più lette

Aggiungere alla collezione

Nessuna raccolta

Qui troverai tutte le collezioni che hai creato prima.