Connect with us

Cultura

Palermo, concessione stadio: emendamenti in discussione in Consiglio Comunale, si va verso la fumata bianca. I dettagli

Published

on

A grandi passi verso l’assunzione della delibera e l’approvazione del testo definitivo della convenzione sul tema stadio.

Settimane trascorse all’insegna della tensione e dell’apprensione, tra gioco delle parti, mosse strategiche e step negoziali condotti sottotraccia, nell’auspicio di concertare una soluzione equa e gradita ad entrambe le parti in causa prima della deadline del 29 luglio. Entro quella data il Palermo dovrà infatti presentare alla Commissione Criteri Infrastrutturali della Figc la ratifica della disponibilità di un impianto omologato dove disputare le gare interne del prossimo campionato, quindi entro il 5 di agosto completare la domanda con quota di iscrizione, adempimenti assicurativi e oneri tributari.

Il braccio di ferro tra Palermo Football Club ed amministrazione sembra ormai volgere al termine. Il lavoro svolto dalle rispettive diplomazie, capo di gabinetto del sindaco, lo stesso Leoluca Orlando, dirigenti degli uffici tecnici da una parte, stati generali del club rosanero, il patron Dario Mirri e l’amministratore delegato Rinaldo Sagramola, dall’altra, ha sortito gli effetti sperati. Le distanze si sono infatti sensibilmente accorciate ed i protagonisti della vicenda sono riusciti a trovare la formula ideale per giungere ad un punto di convergenza e riequilibrare i rispettivi interessi, per certi versi all’apparenza contrapposti. Entità del canone di locazione stagionale, gestione degli impianti pubblicitari, confine e ripartizione ponderata della manutenzione dell’impianto, modalità di strutturazione di un eventuale accordo di sponsorizzazione. Punti chiave oggetto del contendere sui quali sussistevano profonde divergenze concettuali e di vedute, foriere di distanze originariamente siderali. Posizioni talmente contrastanti da mettere in dubbio il buon esito della vicenda entro le scadenze fissate dagli organi istituzionali dell’universo calcio per il completamento dell’iter procedurale legato alla presentazione della domanda di iscrizione al prossimo campionato di Serie C. A fare da chiassoso corollario all’annosa querelle le prevedibili schermaglie politiche tra maggioranza e opposizione in seno al Consiglio Comunale, le dimissione dell’ex Assessore al Bilancio, Roberto D’Agostino, il giro d’orizzonte compiuto da Rinaldo Sagramola a scopo cautelativo, alla ricerca di potenziali sedi alternative dove disputare le gare casalinghe del Palermo nella prossima stagione.

Altri emendamenti caldi saranno oggetto di animata discussione tra le varie anime in sede di Consiglio Comunale. Uno su tutti quello proposto da alcuni consiglieri del Movimento Cinque Stelle relativo all’abrogazione della dotazione di biglietti omaggio, o comunque di una qualsivoglia modalità di libero accesso all’impianto in occasione delle partite casalinghe del Palermo da riservare alle cariche politiche ed istituzionali cittadine: Questore, Prefetto, Sindaco, Assessori, Presidente del Consiglio Comunale, Consiglieri Comunali.  Emendamento che propone posizioni estremamente divergenti tra i gruppi consiliari e sulla cui votazione non è possibile fare previsioni. Un’ altra proposta che farà discutere non poco è quella relativa alla destinazione d’uso dell’impianto. Uno stadio che nasce e vive principalmente per il calcio ma che può teoricamente essere adibito a location per manifestazioni culturali, concerti, eventi musicali o legati al mondo dello spettacolo. L’opposizione ha proposto un emendamento che abroghi il diritto di utilizzare lo stadio “Barbera” anche per eventi di carattere non sportivo.  Per quanto concerne dilazione e modalità di pagamento del canone relativo alla stagione calcistica 2019-2020, da agosto a febbraio, la proposta di modifica rispetto alla bozza originaria prevede che il Palermo inizi a pagare il dovuto a far data dal primo gennaio 2021, previo istruttoria in contraddittorio in merito alle opere di manutenzione ordinaria e straordinaria eseguite dalla società ed eventuali migliorie apportate all’impianto. Ovvero, anche questa somma potrebbe essere drasticamente ridotta tramite compensazione. Diversi gli emendamenti che mirano a cristallizzare minuziosamente i confini tra manutenzione ordinaria (a carico del club) e straordinaria (tendenzialmente a carico dell’Amministrazione Comunale salvo specifiche contingenze).

Adesso la strada sembra davvero in discesa ed il club rosanero intravede il traguardo. Sono attualmente in discussione nel corso della seduta del Consiglio Comunale  28 emendamenti, due subemendamenti integrativi proposti da maggioranza e opposizione per modificare ed ottimizzare il testo della convenzione della durata di 6 anni per la concessione d’utilizzo del Renzo Barbera al Palermo di Hera Hora. L’istituto della compensazione la farà da padrone al fine di ridurre l’esoso canone originario di locazione pari a 341,150 euro. L’impossibilità di utilizzare per intero l’impianto, a causa dell’occupazione di alcuni locali da parte della curatela fallimentare della vecchia proprietà e delle norme cautelative anti Covid-19 che inibiscono la presenza di pubblico, la possibilità di accollare al club l’onere di farsi carico di alcuni impellenti interventi di manutenzione straordinaria per ragioni di tempo ed opportunità, la fattibilità di un accordo di sponsorizzazione tra società ed Amministrazione Comunale imperniato sulla realizzazione di attività ed iniziative di rilevanza sociale e solidale concentrate sul territorio, in particolare dedicate alla categorie più vulnerabili. Tutti elementi significativi che concorreranno ad una sostanziale riduzione del canone di locazione della struttura in ossequio alla logica della compensazione.  La Commissione Tecnica di Valutazione avrà piena facoltà di rivisitare l’entità del canone in ragione dei fattori sopracitati. L’amministrazione comunale dovrebbe impegnarsi a far liberare le aree dell’impianto attualmente non fruibili ed eventuali migliorie tecnologiche o strutturali che il Palermo riuscirà ad apportare all’edificio verranno contabilizzate per ridurre ulteriormente l’esborso diretto del canone annuale.

Advertisement

Il Palermo potrà da domani, salvo improbabili colpi di scena, iniziare a pianificare il futuro e proseguire la sua scalata nel calcio che conta. Nell’auspicio di scrivere altre pagine entusiasmanti di una nuova ed emozionante storia. Nel proprio stadio, il “Renzo Barbera”, a fungere da suggestivo “Teatro dei Sogni”.
La gestione e la concessione degli spazi pubblicitari attigui e contigui all’impianto è un altro punto assai spinoso che alimenta varie e contrapposte correnti di pensiero. Nel passaggio dedicato, l’emendamento di specie propone di aggiungere una eloquente specifica sull’utilizzo degli impianti pubblicitari già esistenti che sottolinea come esso sia subordinato esclusivamente alle norme legislative e regolamentari previste in materia, nonché dalle prescritte autorizzazioni amministrative. Altre modifiche riguardano aspetti meramente burocratici e formali, come la variazione della denominazione del club (da SSD Palermo a Palermo Football Club) e alcuni cavilli relativi alla pertinenza della manutenzione ordinaria da parte del club (anche le aree verdi circostanti dovranno essere curate dalla società). Dopo la votazione dei singoli emendamenti si procederà all’approvazione del nuovo e definitivo testo della convenzione che sarà stilato dagli uffici tecnici prima della rituale ratifica. Nonostante le sospensioni intercorse durante l’odierna seduta, ripresa nel primo pomeriggio alle ore 15, è volontà di colui che la presiede, Giulio Tantillo, chiudere la partita entro stasera quando dovrebbe arrivare la fumata bianca.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Più lette

Aggiungere alla collezione

Nessuna raccolta

Qui troverai tutte le collezioni che hai creato prima.